The new normal | Review

dettagliTitolo: The new normal
Titolo originale: The new normal
Anno: 2012
Genere: Comedy
Stagioni: 1
Episodi: 22
Durata: 22 minuti
Ideatore: Ryan Murphy
Personaggi: Justin Bartha, Andrew Rannells, Georgia King, Ellen Barkin, Bebe Wood, NeNe Leakes, Cheri Oteri, Michael Hitchcock: Gary

trama

David e Bryan sono una coppia di Beverly Hills, che hanno tutto dalla vita; una relazione stabile, delle brillanti carriere e una bella casa, l’unica cosa che manca nella loro vita è un figlio. La ricerca della madre surrogata perfetta si rivela però molto ardua, David inizia a nutrire ansie sul’idea della paternità, e la coppia arriva quasi al punto di demordere e rinunciare al loro sogno di diventare genitori. Ma le cose cambiano quando incontrano Goldie, una giovane madre single dal passato burrascoso, trasferitasi a Los Angeles con la figlia di otto anni, per sfuggire dalla vita di provincia e dall’opprimente nonna cinica e razzista. Fertile e bisognosa di denaro, Goldie accetta di fare da madre surrogata per David e Bryan, trovando in loro anche una famiglia surrogata.

voto★ ★ ☆ ☆ ☆

recensione

Mi aspettavo molto da questa serie per svariati motivi, sia perché dall’ideatore di American horror story mi aspetto grandi cose, sia perché ho visto altre serie sullo stesso argomento. Purtroppo devo dire che tutte le premesse del pilot sono venute a scemare in pochissime puntate, e non erano nemmeno malaccio.
In quanto coppia omosessuale, mi aspettavo di vedere normalizzati i pregiudizi che sempre siamo abituati a trovare nel mondo, cosa che poi mi aspettavo stesse a significare il titolo. Invece si è solamente focalizzata l’attenzione sulle discriminazioni, rendendo ancora più diverso ciò che già è percepito come diverso. Non mi sono piaciuti poi i modi in cui venivano stereotipati gli atteggiamenti, quasi caricaturali, che alla fine appesantivano il sottile humor che traspariva all’inizio.
Mi è dispiaciuto vedere come gli spunti forniti da Goldie, con un passato disastroso e bisognosa di molte spiegazioni, o della nonna con ideali ben precisi che non ci mette nulla a cambiare campana, non siano stati sviluppati in modo soddisfacente.
D’obbligo è il confronto con Modern family, altra serie sullo stesso tema ma decisamente improntata in modo diverso, e molto più consigliata.
Questa proprio mi ha deluso, e se mai ci dovesse essere una seconda stagione non la guarderò.

Firma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...