La ragazza dell’ultimo banco | Review

Salve a tutti! Oggi vi parlo di un libro che ho visto recensire un po’ ovunque. L’ho letto molto velocemente, senza nemmeno sapere nulla della trama, proprio perché ero incuriosita dal così ampio passaparola.

dettagli

Titolo: La ragazza dell’ultimo banco
Titolo originale: anatomy of a misfit
Autore: Andrea Portes
Editore: Newton Compton
Pagine: 288
Prezzo: € 12.00
Pubblicazione: aprile 2016
Formato: ebook

trama

Anika Dragomir è tra le ragazze più popolari alla Pound High School. Lei stessa, però, sa di essere un mostro: un mix di pensieri cupi e trame diaboliche. E poi, se c’è da prendere sul serio quello che si dice in giro, potrebbe addirittura essere un vampiro. Dopotutto, suo padre viene dalla Romania. Un luminoso giorno di settembre rivede Logan McDonough: solo qualche mese prima un grasso nerd, adesso è il ragazzo più sensuale, smaliziato e misterioso che abbia mai visto. Anika ne rimane affascinata e comincia a fantasticare su di lui. Ma Logan McDonough è un tipo poco raccomandabile e niente affatto popolare. Alla Pound High School le renderebbero la vita un inferno se li vedessero insieme. Così Anika deve scegliere se ignorare i suoi sentimenti, oppure seguire il cuore, con il rischio di essere emarginata. Proprio mentre è alle prese con questa decisione però, una tragedia inimmaginabile stravolge la sua esistenza, cambiandola per sempre. E a quel punto si troverà costretta a scegliere tra la propria natura e un desiderio mai conosciuto prima…

voto

2

recensione

Allora, devo ammettere di averlo letto perché incuriosita dal titolo. Se avessero tradotto quello originale, probabilmente avrei lasciato stare. La copertina però mi ha convinto ancora di più, ma non ho letto la trama.

«Una storia d’amore piena di humour nero davvero divertente e di tragedia.»
«Se hai amato Noi siamo infinito questo libro è per te!»

Così dicono nella quarta di copertina e di nuovo, se l’avessi letto forse non avrei approcciato il libro: a me Noi siamo infinito non è piaciuto, ma devo riconoscere che lo stile è molto simile.

Comunque, parliamo del libro. Appena inizia è fantastico: ti ritrovi a leggere qualcosa rivolto direttamente a te. Come se ti dicessero “ehi, stai qui e ascolta quello che ho da dirti, non si parla solo di me, ma anche di te”. E questa cosa mi è piaciuta, perché ti porta completamente dentro la storia, annullando del tutto la distanza tra autore e lettore. E’ come leggere un diario segreto, e forse tale doveva essere.

Ci sono dei capitoli che smorzano la narrazione, quei momenti in cui ti viene aperta una finestra sul futuro e tu ancora non sai dove andrà a parare, però lo tieni lì, da parte, e aspetti di capire cosa succede. Se fosse un film, il montaggio sarebbe perfetto. Ma è un libro, quindi a volte è un po’ inutile.

Una cosa che non mi è proprio piaciuta dello stile, è il fatto che si utilizzi così tanto l’autoironia. Questo meccanismo strano per cui non distingui più, a un certo punto, cosa è reale e cosa no. Ecco, questo non mi è piaciuto, è davvero troppo eccessivo. Avrei preferito qualche battuta, non interi dialoghi o intere descrizioni impostate tutte sull’ironia. E’ snervante.

La trama è carina, anche se non è la migliore mai letta. Ci sono rimasta male però per il finale: essendo un autoconclusivo, mi aspettavo che venisse ampliato il discorso. Insomma, ci sono tutti i presupposti per un sequel, che magari vada a spiegare più nel dettaglio dei momenti lasciati lì, un po’ a caso.

Sì perché c’è anche questo: a volte si va troppo veloce, non si lascia il tempo di assimilare l’avvenimento che già si passa ad altro. Però lo fa con leggerezza, forse per un pubblico più giovane che non ha voglia e pazienza di stare a pensare a cose più serie ma vuole godersi i momenti fugaci.

Non so bene cosa pensare, in definitiva di questo libro: mi è piaciuto, ma non troppo. Mi aspettavo qualcosa di diverso, ma si legge molto velocemente. Se poi ne faranno un film, sarà sicuramente più apprezzato del cartaceo.

Annunci

Un pensiero su “La ragazza dell’ultimo banco | Review

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...