{Review} Alla fine andrà tutto bene

dettagli

Titolo: Alla fine andrà tutto bene (e se non va bene…non è ancora la fine)
Titolo originale: No pasa nada y si pasa, se le saluda
Autore: Raquel Martos
Editore: Feltrinelli
Pagine: 269
Prezzo: € 15.00
Pubblicazione: giugno 2014
Formato: cartaceo

trama

Sei settimane di silenzio forzato. Un incubo, per chi come Carla Diaz non sa tacere un secondo. Di indole fortemente comunicativa, Carla vive di parole, non solo per il bisogno di condividere i propri stati d’animo con chi le è vicino, ma anche per lavoro, essendo una presentatrice radiofonica. Quando un’operazione alle corde vocali la costringe a rimanere in silenzio per ben sei settimane, per giunta proprio in un momento di crisi personale e professionale, per Carla – pessimista di natura – è la fine del mondo. Costretta a non parlare, ma incapace di restare in silenzio, come potrà esternare pensieri ed emozioni e mantenere i rapporti con gli altri? Aiutata da whatsapp, email e bigliettini e armata di una buona dose di inventiva e di autoironia, Carla scoprirà di saper comunicare come non aveva mai fatto prima. Fino a trovare, mettendosi veramente in ascolto, la propria vera voce.

voto

3

recensione

Libro passabile, ma nulla di eccezionale. L’idea di fondo era carina, sei mesi di silenzio da rispettare, poteva essere una trama molto divertente. Mi è piaciuto che sia stato ambientato perlopiù in spazi chiusi, quindi a casa della protagonista dove lei effettivamente era convalescente. Non mi ha però soddisfatto troppo la sequenza temporale, che sembrava come impazzita: il tempo cambiava senza una logica. Le descrizioni fisiche sono quasi del tutto assenti, però quelle caratteriali sono abbastanza approfondite. Ovviamente questo è un libretto che si legge senza pretese, magari sotto l’ombrellone come ho fatto io, quindi è ovvio che non sia di un livello altissimo. Tuttavia è molto facile da leggere, non è pesante e anche se la protagonista viene presentata sotto una luce perlopiù negativa, cosa molto strana, ti viene comunque voglia di continuare a seguire le vicende. Forse tre stelle per il libro che abbiamo davanti sono troppe, ma due sono poche.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...