{Review} Shampoo Garnier UltraDolce Tesori di miele

GARNIER - SHAMPOO ULTRA DOLCE TESORI DI MIELE - SHAMPOO GENERICI

Ciao a tutti! Oggi vi parlo di questo shampoo della linea UltraDolce Tesori di miele (€2.69, reperibile qui).

Ha un profumo molto dolciastro, tipico degli elementi utilizzati, che rimane sui capelli abbastanza a lungo. La consistenza è piuttosto densa, ne basta davvero poco e fa molta schiuma.

Devo ammettere che al primo utilizzo mi sono trovata bene, aveva lasciato i capelli morbidi e perfettamente districati, ma purtroppo andando avanti è stata una repentina decadenza. Trovo che questo shampoo appesantisca molto i miei capelli, rendendoli opachi e spenti oltre che molto spessi. C’è da dire anche che io ho i capelli grassi e con questo shampoo già il giorno dopo averli lavati risultavano lucidi e “unti” costringendomi a lavarli molto più spesso del dovuto. Anche l’inci purtroppo non è dei migliori.

Voi l’avete provato? Come vi siete trovati? Fatemelo sapere qui sotto 🙂

GIUDIZIO SPECIFICO

Prezzo: 3.png

Qualità/prezzo: 2.png

Reperibilità: 3.png

Performance: 2.png

Packaging: 2.png

Inci:  AQUA / WATER, SODIUM LAURETH SULFATE, COCAMIDOPROPYL BETAINE, SODIUM LAURYL SULFATE, GLYCOL DISTEARATE, SODIUM CHLORIDE, AMODIMETHICONE, CI 19140 / YELLOW 5, CI 15985 / YELLOW 6, GUAR HYDROXYPROPYLTRIMONIUM CHLORIDE, SODIUM BENZOATE, SODIUM HYDROXIDE, PPG-5-CETETH-20, TRIDECETH-6, SALICYLIC ACID, MEL / HONEY, LIMONENE, BENZYL ALCOHOL, BENZYL SALICYLATE,
 2-OLEAMIDO-1,3-OCTADECANEDIOL, PROPOLIS EXTRACT, CARBOMER, CETRIMONIUM CHLORIDE, CITRIC ACID, COUMARIN, ROYAL JELLY, PARFUM

Edizione limitata: No

Voto complessivo: 2.png

Annunci

{Review} Essence the gel

Buongiorno a tutti! Oggi torniamo finalmente a parlare di smalti, in particolare della linea permanente di Essence the gel (n°14, do you speak love?, €1.90, reperibile qui). Fa parte della solita linea con il boccettino rotondo, contiene 8 ml di prodotto ed ha una scadenza di 36 mesi.

Ho scelto come colore un bordeaux intenso ma non troppo scuro, molto adatto alla stagione invernale. Devo ammettere che sono rimasta piacevolmente sorpresa perché il colore risulta pieno già alla prima passata, che io ho steso molto sottile. L’applicatore è abbastanza largo e quindi facile da gestire, si può stendere lo smalto perfettamente con solo due movimenti (adoro questi applicatori cicciottosi!)

La consistenza non l’ho trovata troppo liquida, ma nemmeno troppo densa. Credo che questa sia effettivamente la formulazione vincente, anche se altri smalti della stessa linea sono un po’ più scadenti. La durata è sicuramente un punto a suo favore: senza uso di alcun top coat dura tranquillamente 5/6 giorni, il che è una rarità per gli smalti così low cost!

GIUDIZIO SPECIFICO

Prezzo: 4

Qualità/prezzo: 4

Reperibilità: 3

Performance: 4

Packaging: 3

Inci: ETHYL ACETATE, BUTYL ACETATE, NITROCELLULOSE, ADIPIC ACID/NEOPENTYL GLYCOL/TRIMELLITIC ANHYDRIDE COPOLYMER, ACETYL TRIBUTYL CITRATE, ISOPROPYL ALCOHOL, ISOBUTYL ACETATE, STEARALKONIUM BENTONITE, SUCROSE ACETATE ISOBUTYRATE, CI 15880

Edizione limitata: No

Voto complessivo: 4

 

{Review} Shampoo addolcente Antica Erboristeria

Antica Erboristeria CamomillaBuongiorno a tutti! Eccomi tornata dopo secoli con una review di un prodotto beauty… In particolare oggi parliamo dello shampoo addolcente alla camomilla per capelli delicati dell’antica erboristeria (€ 3.90, acquistato da IperSoap, reperibile qui).

Questa estate avevo la fissa, che ho ancora a dirla tutta, di far diventare i miei capelli un pochino più chiari. Per cui ho usato quasi esclusivamente shampoo con camomilla o miele, nella speranza che un po’ funzionassero. Ovviamente non mi aspettavo miracoli, ma partendo da una base già chiara speravo di ottenere qualche risultato, anche grazie al sole.

Questo shampoo però non lo consiglio assolutamente. Ne serve molto per avere i capelli puliti, non fa quasi per nulla schiuma e lascia i capelli secchi. I miei sono capelli tendenzialmente grassi, che si lucidano velocemente e con questo shampoo già il giorno dopo sembravano unti, oltre che particolarmente aridi. Non mi fa impazzire nemmeno l’odore, che ho trovato troppo forte e troppo dolciastro, ma che comunque non rimane sui capelli una volta sciacquato. Inutile dire che non sembrano affatto più chiari, ma per l’esigua quantità di camomilla presente direi che non poteva essere altrimenti. Voi l’avete provato? Se avete qualche consiglio su un buono shampoo schiarente fatemelo sapere 🙂

GIUDIZIO SPECIFICO

Prezzo: 3.png

Qualità/prezzo: 2.png

Reperibilità: 3.png

Performance: 2.png

Packaging: 2.png

Inci:  AQUA , SODIUM LAURETH SULFATEPEG-7 GLYCERYL COCOATE, DISODIUM COCOAMPHODIACETATE, SODIUM CHLORIDEGLYCOL DISTEARATE, PROPYLENE GLYCOL, SODIUM BENZOATE, PEG-55 PROPYLENE GLYCOL OLEATE, LAURETH-4, PARFUM, CITRIC ACID, SALICYLIC ACID, COCAMIDOPROPYL BETAINE, PANTHENOL, HYDROGENATED CASTOR OIL, NIACINAMIDE, POLYQUATERNIUM-10, LINALOOL, BUTYLPHENYL METHYLPROPIONAL, GLYCERIN, LIMONENE, CHAMOMILLA RECUTITA, BISABOLOL

Edizione limitata: No

Voto complessivo: 2.png

{Review} Catrice Ultimate Nudes

image

Buongiorno a tutti! Oggi torniamo a parlare di smalti, in particolare di uno smalto Catrice della linea Ultimate nudes (n°02 Dont’ tell mademoiselle!, €2.99, acquistato da Coin). Purtroppo sul sito dichiara di non essere più disponibile, quindi non so se potete ancora trovarlo nello stand.

Il boccettino contiene 10 ml di prodotto ed ha una scadenza di 36 mesi. Essendo tutto rotondo purtroppo l’applicatore non è particolarmente ergonomico, anche se il pennellino è abbastanza largo e piatto, cosa che adoro perché permette di fare poche passate per unghia senza andare a creare fastidiose righette.

Il prodotto in sé però non mi fa impazzire: gli smalti di Catrice in generale hanno colori abbastanza belli, ma hanno sempre una consistenza troppo liquida. Questo in particolare è praticamente acqua, cosa che non facilita la stesura. Fortunatamente è un colore nude e quindi si può facilmente gestire, però non è il massimo.

La coprenza è bassa, con una sola passata si vede l’unghia sotto. Bisogna farne due per non vedere più l’archetto dell’unghia, tre per avere una coprenza ottimale. Ovviamente bisogna fare strati sottili in quel caso, altrimenti ci ritroviamo con una gobbetta sull’unghia che non è molto carina.

La durata è media: circa 4-5 giorni. Non è il massimo, ma essendo comunque uno smalto molto liquido diciamo che è buona.

Purtroppo con questo prodotto non mi sono trovata molto bene, ma è difficile trovare un nude delicato e al tempo stesso valido.

E voi l’avete provato? Che ne pensate? 🙂

 

 

 

 

{Review} Kiko Power Pro

image

Buongiorno a tutti! Oggi torno con una review a tema unghie ed in particolare vi parlo di questa linea di smalti Kiko Power Pro (n° 44 magenta, €4.90, reperibili qui). La boccetta è quadrata ma più arrotondata rispetto a quella della linea classica ed ha il tappo squadrato nero lucido che può essere tranquillamente tolto per avere un’impugnatura più comoda. Contiene 11 ml di prodotto ed ha una scadenza di 24 mesi.

Il colore è molto intenso e luminoso, anche se non è affatto sparaflashato! Lo trovo molto adatto al periodo primaverile o estivo, perché è un colore allegro e grintoso ed anche facilmente abbinabile. Fortunatamente di questa linea si ha una vasta gamma di colori, adatti a tutte le esigenze.

Devo ammettere di essere rimasta molto colpita da questo smalto, perché non è né troppo liquido né troppo pastoso, è coprente già con una sola passata ma soprattutto si asciuga davvero molto rapidamente. A differenza degli altri smalti Kiko, poi, dura anche per una settimana intera senza la minima sbeccatura, cosa che ovviamente mi ha lasciata piacevolmente colpita!

L’asciugatura abbastanza rapida permette inoltre di utilizzare lo smalto anche nelle nail art, evitando di sporcare tutto al momento della stesura del top coat. E poi non rimangono le fastidiose pieghette che con altri smalti della linea mi ritrovavo stampati sulle dita! 😛

GIUDIZIO SPECIFICO

Prezzo: 4

Qualità/prezzo: 4

Reperibilità: 3

Performance: 4

Packaging: 3

Inci: BUTYL ACETATE, ETHYL ACETATE, NITROCELLULOSE, ACETYL TRIBUTYL CITRATE, ISOPROPYL ALCOHOL, ADIPIC ACID/NEOPENTYL GLYCOL/TRIMELLITIC ANHYDRIDE COPOLYMER, STEARALKONIUM BENTONITE, ACRYLATES COPOLYMER, STYRENE/ACRYLATES COPOLYMER, SILICA, BENZOPHENONE-1, N-BUTYL ALCOHOL, DIACETONE ALCOHOL, TRIMETHYLPENTANEDIYL DIBENZOATE, HEXANAL, PHOSPHORIC ACID, DIMETHICONE, ALGAE EXTRACT, TRIMETHYLSILOXYSILICATE, CAPRYLIC/CAPRIC TRIGLYCERIDE, MANNITOL, PISTACIA LENTISCUS GUM, DIATOMACEOUS EARTH, ZINC SULFATE, CI 77891, CI 77742, CI 77510, CI 77491 – CI 77492 – CI 77499, CI 77163, CI 77007, CI 42090, CI 19140, CI 15880, CI 15850, CI 12085, CI 73360.

Edizione limitata: Si

Voto complessivo: 4

 

{Review} Purifying nose strips

dsc_4277.jpg

Buongiorno a tutti! Oggi sono qui con una nuova recensione a tema cura della pelle, in particolare parliamo degli odiosissimi punti neri. A nessuno piacciono e tutti cercano qualche rimedio per mandarli via. Ultimamente sta spopolando la maschera nera, che ammetto di desiderare anche io, ma da sempre ci sono in circolazione cerottini e creme adatte a rimuoverli.

In particolare oggi parliamo dei cerotti di Essence purifying nose strips (€1.99, acquistati da Upim, reperibili qui). Una confezione è composta da tre cerotti, incartati singolarmente, che è conveniente per il prezzo che hanno. Questi cerotti promettono di liberare il naso dalle impurità e dai punti neri assorbendo l’eccesso di sebo.

Sulla confezione c’è scritto di idratare la zona, applicarli e lasciarli agire per circa un quarto d’ora e poi inumidirli per tirarli via. Io di solito li utilizzo dopo la doccia, quando i pori sono più dilatati, ma ammetto di non bagnarli prima di toglierli. Vengono comunque via senza troppo dolore, anche se un minimo tirano la pelle. Sul cerotto in effetti si vedono i puntini, quindi l’azione di pulizia sicuramente c’è, anche se non la sento così profonda…. Ma da un prodotto così low cost di certo non mi aspettavo miracoli! 😛

La pelle subito dopo rimane molto liscia al tatto, cosa positiva. Inoltre non è per niente unta, quindi anche il sebo viene assorbito. Io sciacquo il viso dopo averli usati, possibilmente con acqua fredda per richiudere i pori, e applico poi una crema idratante. Devo dire che non mi aspettavo di trovarmi bene con questi cerottini, soprattutto per il prezzo che hanno! Non hanno un buon inci purtroppo, quindi non vi consiglio di usarli spesso. Sinceramente non credo li rimprerò perché vorrei provare altro, magari con un inci migliore.. Però questi funzionano.

E voi, li avete provati? 🙂

GIUDIZIO SPECIFICO

Prezzo: 4

Qualità/prezzo: 4

Reperibilità: 3

Performance: 3

Packaging: 3

Inci: ACRYLATES COPOLYMER, PVP, AQUA, POLYVINYL ALCOHOL, SILICA, PEG12 DIMETHICONE, DIPOTASSIUM GLYCYRRHIZATE, CAMELLIA SINENSIS LEAF EXTRACT, ALLANTOIN, HAMAMELIS VIRGINIANA EXTRACT, PARFUM, CI 77288, CI 77891.

Edizione limitata: No

Voto complessivo: 3

{Review} Voglia d’estate

imageBuongiorno! Eccomi finalmente tornata, pronta a godermi l’estate… se decide di arrivare! Fortunatamente qualche giornata di sole c’è, però sono ancora molte anche le giornate di pioggia o nuvoloni. 😦

Comunque, cercando di calarci nel mood estivo, ho deciso oggi di parlarvi dei solari che (forse) userò quest’anno! ☀

Partiamo dalla protezione di tutti i giorni: capita magari di trovarsi in giro e di voler approfittare di un po’ di sole, soprattutto se come me vivete in posti in cui il mare è vicino. Immancabile quindi nella borsa uno stick protettivo da utilizzare senza difficoltà.

Io nella borsa ho sempre avuto lo stick di Kiko Sunscreen Stick SPF 50 (€8, ormai non più in commercio, sostituito con questo). Si tratta di uno stick compatto ad altissima protezione, molto comodo da portare in borsa e facile da stendere. E’ un pochino duro all’inizio, fa fatica a scivolare sulla pelle, però già alla seconda applicazione migliora. Ha una protezione molto alta, ed è indicato soprattutto per il contorno occhi, le labbra o le cicatrici. Lo trovo molto comodo perché è adatto a tutte le parti del viso, non unge e non lascia tracce perché è totalmente trasparente. Funziona bene, anche se è comunque consigliato riapplicarlo se si sta al sole per molte ore.

Quest’anno però ho alternato a questo stick un altro, il Sun Lipstick della Piz Buin. Hauna protezione più bassa (20 SPF). L’unica pecca di questo prodotto è che è specifico per le labbra, quindi è un po’ più unto perché ha la funzione primaria di idratare le labbra, che al sole tendono a seccarsi.

Al mare invece utilizzo lo stick protettivo della Clinians, che ha protezione 30 ed è adatto, al pari di quello Kiko, sia agli occhi che alle labbra. Questo stick è più morbido, lascia la pelle meno secca rispetto a quello Kiko ed è anch’esso trasparente. Inoltre è resistete all’acqua, anche se è comunque opportuno rimetterlo dopo qualche ora.

Infine per il corpo utilizzo ormai da anni i solari Nivea della linea Sun protect&refresh. Li preferisco perché sono trasparenti e non ungono per nulla il corpo, a differenza di altri solari. Inoltre durano e proteggono bene anche dopo essersi bagnati. Io ho una carnagione piuttosto chiara e tendo molto a scottarmi, soprattutto i primi giorni, però con questi prodotti riesco ad utilizzare una protezione media tra i 20 e i 30 SPF, senza scottature ed ustioni.

Bene, questi erano i miei solari per quest’anno. Voi invece cosa userete? Avete mai provato questi? 🙂